• Italiano
  • English

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l'Europa investe nelle zone rurali. Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014 - 2020.


Ordina per: * Data pubblicazione | Data scadenza | Categoria

Tutti

7) SOTTOSEZIONE SETTIMA: BILANCI

La sottosezione contiene i bilanci d'esercizio degli ultimi cinque anni.La norma di riferimento è l'Art. 22, comma 2 del D.Lgs. 33/2013 che ha abrogato espressamente l'Art. 8 del previgente DL 98/2011 convertito in L. 111/2011

DELIBERE CDA ANNO 2017

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE FINO AL 31 12 2015

PER LE ATTIVITA' DELL'AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE FINO AL 31/12/2015 SI RIMANDA ALLA SEZIONE NEWS - AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE www.galaltamarca.it/comunicazioni_ita.php/categoria=amministrazione_trasparente_/idsottocat=14

1. FONTI NORMATIVE E AMBITO DI APPLICAZIONE 2. COS'E' LA TRASPARENZA 3. IL LINK "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE"

1. FONTI NORMATIVE E AMBITO DI APPLICAZIONE L. 190/2012 recante "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione" (cd. Legge anticorruzione). D.lgs. n. 33/2013 recante "Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni". Il Decreto 33/2013 è stato emanato in attuazione della delega contenuta nell'art. 1, comma 35 della L. 190/2012. Il Decreto è in vigore dal 20 aprile 2013. L'art. 11, co. 1 del D.Lgs. 33/13 prevede che il decreto si applichi alle "amministrazioni di cui all'art.  1, co. 2 del d.lgs. 165/2001". Il comma 2 dispone, però, che le società partecipate dalle pubbliche amministrazioni e le società da esse controllate ai sensi dell'art. 2359 c.c. siano tenute alla pubblicazione dei dati indicati dall'art. 1, commi da 15 a 33 della L. 190/2012 limitatamente all'attività di pubblico interesse. 2. COS'E' LA TRASPARENZA La trasparenza è intesa come "accessibilità  totale" delle informazioni concernenti l'organizzazione e le attività della Pubblica Amministrazione allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle finalità istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche. Lo scopo perseguito dalla normativa in oggetto è quello di attribuire ai portatori di interesse e ai cittadini la possibilità di attuare un controllo sull'attività dell'Amministrazione. I limiti alla pubblicazione riguardano:.. I dati sensibili: dati personali idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti politici o ad organizzazioni sindacali, ecc; I dati giudiziari: dati idonei a rilevare provvedimenti in materia di casellario giudiziale, di anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti o la qualità di imputato o indagato. I documenti/dati indicati dall'art. 24 della Legge 241/1990.   3. IL LINK "AMINISTRAZIONE TRASPARENTE" Le Pubbliche Amministrazioni e le società partecipate dalle pubbliche amministrazioni,  quali codesto  GAL dell'Alta Marca Trevigiana società consortile a responsabilità limitata (il cui capitale è posseduto per il 48,54% da enti pubblici), limitatamente all'attività di pubblico interesse, devono creare nei loro siti istituzionali una apposita sezione denominata "Amministrazione trasparente" nella quale sono contenute le informazioni da pubblicare. La sezione generale si articola in sottosezioni tematiche. Tutte le sezioni devono essere aggiornate con cadenza semestrale e i dati pubblicati devono essere fruibili dall'utenza senza filtri. La durata dell'obbligo di pubblicazione è di 5 anni decorrenti dal 10 gennaio dell'anno successivo a quello da cui decorre l'obbligo di pubblicazione e comunque fino a che gli atti abbiano espletato i loro effetti, fatti salvi i diversi termini temporali previsti dalla normativa in materia di trattamento dei dati personali. Questa sezione accoglierà progressivamente i dati, le informazioni e i documenti che riguardano il G.A.L. dell'Alta Marca Trevigiana società consortile a responsabilità limitata, tenuto conto delle disposizioni normative e delle linee guida della Commissione per la valutazione, la trasparenza e l'integrità delle amministrazioni pubbliche (CIVIT). Chiunque può esercitare il diritto a conoscere, usare e riutilizzare in modo gratuito i dati oggetto di pubblicazione obbligatoria, senza restrizioni diverse dall'obbligo di citare la fonte e rispettarne l'integrità. In funzione della peculiarità di alcune informazioni, tuttavia, sono stati adottati criteri di riservatezza che escludono la pubblicazione di dati che presentano connotati di riservatezza, per i quali è necessario garantire la tutela della privacy.  

ARTICOLAZIONE DELLA SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE E GRIGLIA DI RILEVAZIONE

La sezione è articolata nelle seguenti sottosezioni: 1) ACCESSO CIVICO 2) ORGANIZZAZIONE/ORGANI DI INDIRIZZO POLITICO AMMINISTRATIVO 3) ENTI E ORGANISMI PARTECIPATI 4) PERSONALE E COLLABORATORI DEL G.A.L. 5) BANDI DI GARA E CONTRATTI 6) SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E SUSSIDI 7) BILANCI 8) RAPPORTI ANNUALI PSL 9) CONFLITTO D'INTERESSI 10) PARITA' TRA UOMINI E DONNE 11) PRIVACY 12) ATTI DEL G.A.L.  

1) SOTTOSEZIONE PRIMA: ACCESSO CIVICO

L'accesso civico è un nuovo istituto introdotto nell'ordinamento nazionale (art. 5 D.Lgs. 33/2013) che si affianca all'istituto del diritto di accesso agli atti. COS'E'? è il diritto di chiunque di chiedere alle PA documenti e informazioni o dati nei casi in cui sia stata omessa la loro pubblicazione. COME SI ESERCITA? Mediante richiesta scritta (raccomandata, fax pec, mail) chiunque può chiedere ed ottenere che si pubblichino gli atti, i documenti e le informazioni detenute ma che, per qualsiasi motivo, non abbiano provveduto a rendere pubbliche sui propri siti istituzionali. CARATTERISTICHE La richiesta di accesso civico non è sottoposta ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente, non deve essere motivata, è gratuita e va presentata al Responsabile della trasparenza dell'amministrazione il quale DEVE RISPONDERE ENTRO 30 GIORNI Responsabile del procedimento, cui può essere presentata la richiesta di accesso civico: Dott. Michele Genovese coordinatore del G.A.L. Recapiti: segreteria@galaltamarca.it - direzione@galaltamarca.it - Tel. 0438/82084 Fax. 0438/1890241 PEC: galaltamarca@pec.it.Modalità per l'esercizio del diritto di accesso civico: domanda mediante PEC, oppure direttamente all'ufficio del GAL che ne rilascia n. di protocollo o mediante raccomandata A.R. E' possibile scaricare la tabella allegata con tutti i dettagli cliccando su download.  

2) SOTTOSEZIONE SECONDA: ORGANIZZAZIONE/ORGANI DI INDIRIZZO POLITICO AMMINISTRATIVO

L'art. 14 del D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 23 individua i documenti e le informazioni che devono essere pubblicati dalle Pubbliche Amministrazioni con riferimento ai titolari di incarichi politici, di carattere elettivo o comunque di esercizio di poteri di indirizzo politico, di livello statale regionale e locale. La materia, anche per la circostanza della sua prima applicazione è stata ed è oggetto di dubbi legati alla estensione alle società di norme pensate per le Pubbliche Amministrazioni; dubbi a cui hanno cercato di dare risposta, con circolari e delibere non sempre coerenti fra loro, la CIVIT ora ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione per la valutazione e la trasparenza delle Amministrazioni Pubbliche), il Ministero della Funzione Pubblica e l'Autorità di Vigilanza sui Contratti. Non essendoci nel GAL organi che rivestono tali caratteristiche, pur tuttavia, nell'ottica di garantire un elevato standard informativo, si evidenzia che "ancorchè gli amministratori della società GAL dell'Alta Marca soc. cons. a r.l., società partecipata da Amministrazioni pubbliche per una quota minoritaria del proprio capitale  non siano titolari di incarichi politici o comunque di poteri di indirizzo, ai sensi dell'art. 22 del D.Lgs. 33/2013, si pubblicano le informazioni e gli atti di seguito riportati cliccando su download.

3) SOTTOSEZIONE TERZA: ENTE E ORGANISMI PARTECIPATI

In questa sottosezione sono pubblicate le partecipazioni in Enti di diritto privato in controllo pubblico, Enti pubblici e società partecipate. L'art. 22 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 introduce obblighi di pubblicazione dei dati relativi agli enti pubblici vigilati e agli enti di diritto privato in controllo pubblico, nonché alle partecipazioni in società di diritto pubblico.  In particolare, rispetto ai dati di cui all'art. 22, comma 1, lett. a), si precisa che codesto GAL non ha istituito, non vigila e non finanzia nessuno ente pubblico e non ha alcun potere di nomina degli amministratori dell'ente. Altre adesioni: Intesa Programmatica d'Area (IPA) Terre Alte della Marca Trevigiana: adesione con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 45 del 23/04/2009 - Città del Vino 2016 all'interno della rete RECEVIN: adesione con delibera n. 19 del 29/07/2015 - Associazione Regionale Rete BIO Innovativa del Veneto: adesione con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 16 del 10/06/2016 - Città di Vittorio Veneto a capitale della cultura 2018: sostegno e adesione con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 17 del 10/06/2016.

Pagina: 1 | 2 | Succ »

Iniziativa finanziata dal PSR VENETO 2014 - 2020
Organismo responsabile dell’informazione: GAL Alta Marca Trevigiana
Autorità di gestione: Regione del Veneto – Direzione AdG FEASR Parchi e Foreste

GAL Alta Marca - Villa Brandolini a Solighetto, via Roma 4, Pieve di Soligo (TV), Italy - T.+39.0438.82084 F.+39.0438.1890241 - P. Iva 04212070264